X
Rischi ambientali

Demistificare le tecnologie climatiche

Jared Concannon, Head of Climate Tech, Chubb Overseas General
presenting-a-climate-change-innovation

Un hamburger fatto di alghe, un'auto che può restituire elettricità extra alla rete, un camion o una centrale elettrica a idrogeno, sono realtà possibili grazie alle tecnologie climatiche. Le tecnologie che consentono progressi come questi sono fondamentali nella transizione verso un'economia a emissioni zero. Gli imprenditori che le sviluppano possono trovarsi di fronte a una serie di sfide, che vanno dall'ideazione di una tecnologia innovativa e dalla sua commercializzazione, all'ottenimento di finanziamenti per l'impresa fino all'avvio delle attività. Storicamente, in molti casi l'assicurazione ha rappresentato un ulteriore scoglio per le imprese di tecnologie climatiche. Un recente articolo del Nasdaq ha definito l'assicurazione come "la più grande lacuna di cui non avete mai sentito parlare" nell’ambito delle tecnologie climatiche1

Le aziende che operano nel settore delle tecnologie climatiche hanno bisogno delle stesse assicurazioni Property e di Responsabilità Civile generale della maggior parte delle altre aziende. Tuttavia, con l'innovazione di tecnologie emergenti come la carne sintetica, la cattura di carbonio o l'energia a idrogeno, le tecnologie climatiche hanno messo gli assicuratori di fronte a rischi nuovi, che hanno rappresentato una sfida dal punto di vista assicurativo. 

Senza la giusta assicurazione, le aziende possono trovarsi con un accesso al capitale limitato e ciò può ostacolare la loro capacità di crescita. La posta in gioco è alta: la ricerca di McKinsey suggerisce che entro il 20252 le tecnologie climatiche potrebbero attirare da 1,5 a 2 trilioni di dollari di investimenti di capitale all'anno. Per colmare il gap assicurativo delle tecnologie climatiche, Chubb sta sviluppando la Climate Tech Industry Practice come parte di Chubb Climate+, la business unit che, attingendo alle nostre ampie capacità tecniche nell’underwriting e nel risk engineering, fornisce prodotti e servizi assicurativi alle aziende impegnate nello sviluppo o nell’impiego di nuove tecnologie e processi che supportano la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio.

 

La Climate Tech Industry Practice di Chubb

La Climate Tech Industry Practice di Chubb mira a sostenere e a collaborare con i pionieri che sviluppano, producono, installano o gestiscono tecnologie climatiche. Il nostro team di underwriter specializzati in tecnologie climatiche sta sviluppando prodotti, strumenti e risorse per aiutare tali aziende a ottenere le soluzioni assicurative per loro ottimali. 

Abbiamo classificato i clienti che assicuriamo nell'ambito della Climate Tech practice in sei categorie:
 

  • Energia rinnovabile e alternativa
  • Alimentazione e agricoltura
  • Trasporti e mobilità
  • Ambiente costruito ed efficienza energetica
  • Stoccaggio e trasmissione
  • Tecnologia del carbonio e finanza climatica 
     

Il profilo di rischio di questo insieme di settori è complesso e ricco di sfumature. Mentre in altri gruppi di settori ci possono essere alcuni punti in comune in termini di esposizione al rischio, le tecnologie climatiche presentano un'ampia gamma di profili di rischio. Lo spettro dell'esposizione al rischio può spaziare dai rischi associati alle varie fasi dei progetti di energia all'idrogeno (ad esempio, incendi o esplosioni) ai rischi biologici (contaminazione), a elementi di ingegneria genetica degli alimenti prodotti in laboratorio, fino ai ritardi affrontati dalle imprese di energia rinnovabile che cercano di superare i colli di bottiglia delle autorizzazioni e della connettività alla rete. 

La complessità e la velocità di innovazione delle aziende che rientrano in questo settore sottolineano la necessità di specialisti, underwriter e risk engineer dedicati, come il team che sta creando Chubb. 

 

Non solo aziende di tecnologie climatiche

Il detto che tutte le aziende sono aziende tecnologiche è ormai un dato di fatto. Allo stesso modo, molte aziende utilizzeranno sempre più spesso le tecnologie climatiche, man mano che ogni settore passerà a un’economia a emissioni zero. 

La crescente consapevolezza del cambiamento climatico ha generato aspettative sociali, richieste da parte dei consumatori e standard normativi in merito alle soluzioni tecnologiche per il clima. Le aziende di diversi settori e aree, e in varie fasi di sviluppo, stanno implementando le tecnologie climatiche per soddisfare le richieste dei loro stakeholder in materia di clima e sono esposte ai rischi legati alle tecnologie climatiche.

Ecco alcuni esempi dei molteplici scenari possibili: una multinazionale alimentare nota per i suoi gustosi snack e yogurt sta aprendo un laboratorio per la produzione di alimenti a base vegetale. Una famosa casa automobilistica sta aumentando in modo significativo la produzione di veicoli elettrici. Una nota catena alberghiera aggiunge stazioni di ricarica per veicoli elettrici ai suoi parcheggi. Un promotore immobiliare che sta costruendo un nuovo complesso residenziale ora utilizza pannelli solari su tutti i tetti.

Essendo esposte a nuovi rischi associati alle tecnologie climatiche, queste aziende - e i loro broker assicurativi - hanno ora bisogno di un know-how assicurativo specializzato per garantire la gestione dei rischi e l'accesso a soluzioni assicurative ottimali. 

La Climate Tech Industry Practice di Chubb è una risorsa a cui gli assicurati di Chubb possono attingere per usufruire delle conoscenze e delle competenze che stiamo sviluppando in materia di valutazione, mitigazione e trasferimento dei rischi legati alle tecnologie climatiche. Siamo qui per collaborare con i nostri clienti mentre le tecnologie climatiche diventano sempre più una parte critica dell'ecosistema aziendale nella spinta globale verso il net-zero.

 

Jared Concannon
Jared Concannon
Head of Climate Tech, Chubb Overseas General

Il presente documento è reso noto unicamente a fini informativi e non costituisce alcun tipo di consulenza o raccomandazione per individui o aziende relative ad alcun prodotto o servizio. Per maggiori dettagli sui termini e le caratteristiche del prodotto si prega pertanto di fare riferimento alle condizioni generali di assicurazione.

Chubb European Group SE, Sede legale: La Tour Carpe Diem, 31 Place des Corolles, Esplanade Nord, 92400 Courbevoie, Francia - Capitale sociale €896.176.662 i.v.- Rappresentanza generale per l'Italia: Via Fabio Filzi n. 29 - 20124  Milano - Tel. 02 27095.1 - Fax 02 27095.333 – P.I. e C.F. 04124720964 – R.E.A. n. 1728396 – Abilitata ad operare in Italia in regime di stabilimento con numero di iscrizione all’albo IVASS I.00156. L’attività in Italia è regolamentata dall'IVASS, con regimi normativi che potrebbero discostarsi da quelli francesi. Autorizzata con numero di registrazione 450 327 374 RCS Nanterre dall’Autorité de contrôle prudentiel et de résolution (ACPR) 4, Place de Budapest, CS 92459, 75436 PARIS CEDEX 09 RCS e soggetta alle norme del Codice delle Assicurazioni francese. info.italy@chubb.com - www.chubb.com/it

Scrivici
Scrivici

Hai domande?

Siamo pronti a risponderti.