Per un'esperienza ottimale del sito, ti consigliamo di utilizzare un browser diverso.
L'utilizzo di Internet Explorer potrebbe impedire l'accesso a Chubb.com e alcune funzionalità del sito potrebbero non essere disponibili.

X

Il nuovo report pubblicato da Chubb in collaborazione con lo studio legale internazionale Clyde & Co, analizza l’attuale panorama internazionale del rischio di responsabilità civile per gli amministratori e i dirigenti.

Nel corso dell’ultimo decennio, a seguito della crisi finanziaria globale del 2008, si sono susseguiti diversi cambiamenti che hanno inciso su tali rischi. L’incremento della legislazione in materia e un maggiore controllo normativo hanno provocato un forte aumento delle cause nei confronti degli amministratori. Riforme normative significative, la crescente propensione dei tribunali e delle autorità di regolamentazione a ritenere responsabili i singoli individui e la crescita della cultura del risarcimento, hanno esposto gli amministratori a una serie di rischi in costante evoluzione, quali: ammende regolamentari, sanzioni, denunce collettive e da parte degli azionisti.

 

Inoltre, stiamo assistendo a un maggiore attivismo normativo causato da rischi quali i cambiamenti climatici, e altre aree, che minacciano l’esposizione per le multinazionali e la responsabilità civile per gli amministratori. Complessivamente, ciò significa che i sinistri stanno diventando più complessi e necessitano di più tempo per essere risolti, determinando un aumento dei costi. Il report sottolinea anche l’importanza delle coperture locali nei programmi multinazionali e mostra come costruire un programma adeguato, che includa sia polizze locali sia la polizza master, e che possa offrire una solida protezione assicurativa transnazionale.

Cosa sta cambiando?

1. Crescente gravità dei sinistri

Molti fattori fanno pensare a perdite e costi sempre maggiori: tra questi, una maggiore complessità dei sinistri e la loro globalizzazione. I sinistri ora sono più onerosi e vi è una propensione globale a considerare responsabili i singoli individui. Inoltre, stiamo assistendo a un numero sempre maggiore di class action negli Stati Uniti e a un aumento nella quantità dei sinistri.

 

2. Class Action

Le class action rappresentano un rischio significativo per gli imputati, che si traduce in spese oltre che in conseguenze significative a livello operativo e reputazionale, essendo coinvolti in cause di ampia portata. Il rischio di contenzioso negli ultimi tempi ha portato all’aumento degli importi liquidati. Il numero di class action registrato negli Stati Uniti è da record. Esso è alimentato da un numero elevato di fusioni e acquisizioni, da azioni legali event-driven presentate da studi legali emergenti e, probabilmente, dall’aumento nell’uso di finanziamenti per ricorsi collettivi. I consigli di amministrazione sono ritenuti responsabili di non essere stati capaci di riconoscere, gestire e mitigare i rischi. Questa tendenza è in aumento, in particolare poiché gli amministratori ora devono considerare molti rischi emergenti, senza averne a disposizione i dati storici.

Alcuni esempi:

 

  • rischio finanziario legato ai cambiamenti climatici
  • sicurezza informatica e perdita di dati
  • sfruttamento umano nella catena di approvvigionamento
  • impatto ambientale dell’azienda
  • uso della tecnologia e dell’intelligenza artificiale.

 

3. Aumento del controllo normativo

Questa tendenza è causata da diversi fattori:

 

  • richiesta pubblica, politica e degli azionisti di una maggiore responsabilità individuale
  • cooperazione tra gli enti regolatori internazionali
  • cambiamenti nei modelli di corporate governance

 

4. Maggiori esposizioni criminali

Frodi aziendali e abuso di mercato, tangenti e corruzione non sono fenomeni nuovi, ma la legislazione in materia continua a essere rafforzata in molte giurisdizioni. Stiamo assistendo a un aumento delle istanze penali contro gli amministratori per errori negli ambiti di salute, sicurezza e ambiente. Le indagini su tangenti e cartelli sono in aumento in Europa e in America Latina. Rischi globali esistenti, in via di sviluppo ed emergenti In molte giurisdizioni, i querelanti continuano a esplorare nuove aree di contenzioso che espongono ulteriormente gli amministratori:

 

  • rischi cyber, data protection e privacy - v. GDPR
  • cambiamenti climatici: le aziende sono vulnerabili ai rischi legati al clima, anche se non operano nel settore energetico

 

5. Assicurare la responsabilità multinazionale degli amministratori

L’attivismo normativo derivante da cambiamenti climatici, rischi cyber relativi ai dati e alla privacy, minaccia a livello penale le aziende multinazionali e la responsabilità civile dei loro amministratori e dirigenti. Pertanto, è importante comprendere il valore di una copertura assicurativa multinazionale transfrontaliera e come la creazione di un programma assicurativo adeguato possa proteggere sia l’azienda che gli individui.

 

Conclusione

Mentre gli Stati Uniti e il Regno Unito presentano scenari più consolidati sulla responsabilità civile, e mercati maturi per l’acquisto di coperture assicurative D&O, Cina, Brasile e Canada sono esempi di tre paesi in cui l’attenzione in materia è in aumento. Nel progettare e implementare un programma assicurativo multinazionale che assicuri i rischi degli amministratori in giurisdizioni internazionali, i clienti, i broker e gli assicuratori dovrebbero essere consapevoli di come è strutturata una copertura D&O e se tale struttura possa soddisfare i bisogni e le aspettative degli amministratori delle aziende in tutto il mondo. Acquirenti e broker di un qualsiasi programma multinazionale dovrebbero collaborare con un assicuratore globale e con consulenti legali e fiscali indipendenti, che abbiano una presenza locale nei paesi in cui l’azienda opera.

Il presente documento è reso noto unicamente a fini informativi e non costituisce alcun tipo di consulenza o raccomandazione per individui o aziende relative ad alcun prodotto o servizio. Per maggiori dettagli sui termini e le caratteristiche del prodotto si prega pertanto di fare riferimento alle condizioni generali di assicurazione.

 

Chubb European Group SE, Sede legale: La Tour Carpe Diem, 31 Place des Corolles, Esplanade Nord, 92400 Courbevoie, Francia - Capitale sociale €896.176.662 i.v.- Rappresentanza generale per l'Italia: Via Fabio Filzi n. 29 - 20124  Milano - Tel. 02 27095.1 - Fax 02 27095.333 – P.I. e C.F. 04124720964 – R.E.A. n. 1728396 – Abilitata ad operare in Italia in regime di stabilimento con numero di iscrizione all’albo IVASS I.00156. L’attività in Italia è regolamentata dall'IVASS, con regimi normativi che potrebbero discostarsi da quelli francesi. Autorizzata con numero di registrazione 450 327 374 RCS Nanterre dall’Autorité de contrôle prudentiel et de résolution (ACPR) 4, Place de Budapest, CS 92459, 75436 PARIS CEDEX 09 RCS e soggetta alle norme del Codice delle Assicurazioni francese. info.italy@chubb.com - www.chubb.com/it