Per un'esperienza ottimale del sito, ti consigliamo di utilizzare un browser diverso.
L'utilizzo di Internet Explorer potrebbe impedire l'accesso a Chubb.com e alcune funzionalità del sito potrebbero non essere disponibili.

X

Alluvioni e inondazioni sono una delle principali cause di perdite economiche a livello globale e si prevede che i potenziali danni dovuti al cambiamento climatico continueranno ad aumentare se non si interviene *. Le alluvioni e le inondazioni possono durare giorni o una manciata di minuti, anche in aree non considerate a rischio. Ecco perché, quando si pianifica la “continuità operativa” è bene includere un piano di risposta all’emergenza inondazioni, che fornisca un accesso tempestivo alle risorse necessarie, protegga i dipendenti, faccia risparmiare tempo, riduca i danni alle proprietà e permetta la ripresa del l’attività. Ecco cinque punti per iniziare.

1. Anticipare le potenziali fonti e l'impatto di un'alluvione

Considerare le condizioni climatiche locali e i possibili eventi meteorologici, incluso il periodo dell'anno in cui potrebbero verificarsi le inondazioni. Verificare se sono stati realizzati interventi nell’area, come terrapieni, argini o dighe; valutare la probabile portata di eventuali inondazioni (velocità di crescita, altezza e tempistiche); analizzare in che modo strade o ponti interrotti potrebbero impattare sull’attività. Conoscere i sistemi di drenaggio adottati all'interno della struttura.

 

2. Attuare misure preventive

Per tutelare l’azienda da inondazioni e alluvioni, valutare la possibilità di immagazzinare documenti, materiali e apparecchiature importanti il più in alto possibile. Prendere in considerazione l'installazione di barriere protettive e di sistemi affidabili come pompe non-elettriche, generatori diesel e gruppi di continuità per alimentare impianti e sistemi vitali. Prevedere l’installazione di valvole di ritegno sui sistemi di drenaggio e sigillare gli accessi alle utenze. Dove possibile, provvedere ad installare elementi costruttivi resistenti alle inondazioni oltre i livelli a rischio.

 

3. Istituire una squadra di gestione delle emergenze

Il team dovrebbe avere responsabilità e livelli di autorità chiaramente definiti, tra i quali:

 

  • Identificare fonti autorevoli per le previsioni delle alluvioni, la ricezione di notifiche e lo stato degli incidenti
  • Determinare le funzioni aziendali più critiche e che avranno bisogno di un rapido accesso alle risorse
  • Conservare liste aggiornate dei contatti del personale chiave, dei fornitori, clienti e prestatori di servizi di risposta alle emergenze
  • Disporre di planimetrie della struttura e dei piani dove siano evidenti gli interruttori di emergenza, gli impianti, i sistemi di prevenzione incendi, ecc.

 

sandbags protect door

 

4. Definire le procedure di risposta alle emergenze

Insieme al team di risposta creare un piano di emergenza ai fini di:

 

  • Comunicare con dipendenti, clienti, fornitori, enti pubblici e media su come l'alluvione stia impattando l’attività
  • Proteggere i dipendenti dai pericoli, comprese le acque alluvionali inquinate, gli oggetti sommersi, le voragini e i pericoli elettrici. I soccorritori designati necessitano di una formazione specifica e di dispositivi di protezione individuale adeguati
  • Accertarsi che l'edificio sia sicuro. Se si verifica un'alluvione, contattare i professionisti dedicati per verificare la stabilità dell’edificio prima di entrare, quindi ispezionare le strutture e le attrezzature per rilevare eventuali danni. Avviare gli accertamenti preventivi alle attività di ripristino. Rimuovere i materiali bagnati, quelli che avrebbero potuto assorbire acqua e programmare la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti
  • Mettere in sicurezza la struttura. Assicurarsi che le misure di sicurezza e le misure antincendio (temporanee se necessario) siano pienamente funzionanti. Isolare attrezzature e impianti. Provvedere alla sostituzione delle apparecchiature degli impianti e dei cavi elettrici danneggiati. Evacuare la struttura, se necessario
  • Formare i dipendenti in modo che comprendano il piano per le emergenze alluvionali. Fornire informazioni sulla sicurezza, sulle emergenze mediche e sull’eventuale trasferimento della produzione in altre aree.

 

5. Testare e aggiornare il piano di risposta alle emergenze

A seguito di un incidente (o di un mancato incidente), aggiornare il piano di risposta alle emergenze da inondazione sulla base di quanto appreso dall’esperienza.

 

 

L'assicurazione contro le inondazioni e le alluvioni può fornire anche protezione finanziaria per alcuni danni. Per consulenza e assistenza contatta Chubb.

 

Per approfondimenti su come tutelare la tua attività, visita la nostra pagina dedicata alla prevenzione dei rischi.

 

 

Fonti:

*UK Climate Change Risk Assessment 2017 

Il presente documento è reso noto unicamente a fini informativi e non costituisce alcun tipo di consulenza o raccomandazione per individui o aziende relative ad alcun prodotto o servizio. Per maggiori dettagli sui termini e le caratteristiche del prodotto si prega pertanto di fare riferimento alle condizioni generali di assicurazione.

 

Chubb European Group SE, Sede legale: La Tour Carpe Diem, 31 Place des Corolles, Esplanade Nord, 92400 Courbevoie, Francia - Capitale sociale €896.176.662 i.v.- Rappresentanza generale per l'Italia: Via Fabio Filzi n. 29 - 20124  Milano - Tel. 02 27095.1 - Fax 02 27095.333 – P.I. e C.F. 04124720964 – R.E.A. n. 1728396 – Abilitata ad operare in Italia in regime di stabilimento con numero di iscrizione all’albo IVASS I.00156. L’attività in Italia è regolamentata dall'IVASS, con regimi normativi che potrebbero discostarsi da quelli francesi. Autorizzata con numero di registrazione 450 327 374 RCS Nanterre dall’Autorité de contrôle prudentiel et de résolution (ACPR) 4, Place de Budapest, CS 92459, 75436 PARIS CEDEX 09 RCS e soggetta alle norme del Codice delle Assicurazioni francese. info.italy@chubb.com - www.chubb.com/it