Le aziende farmaceutiche e biotecnologiche sono sempre più numerose sul mercato italiano, così come su quello internazionale. Le PMI e le grandi multinazionali devono rispettare le normative molto stringenti che regolamentano la commercializzazione di dispositivi medici e farmaci. Tuttavia questa attività non è priva di rischi e una scarsa gestione e prevenzione del rischio possono mettere a repentaglio la sopravvivenza dell’azienda. Scopri 5 cose da sapere sui rischi connessi alle aziende farmaceutiche e biotecnologiche.

1 – Il rischio per i dipendenti delle aziende Life Science

Nonostante i numerosi protocolli e le misure di sicurezza in atto, i dipendenti delle aziende farmaceutiche e biotecnologiche sono quotidianamente esposti a rischi biologici, chimici e persino radiologici.

 

In caso di contaminazione o di malattia professionale, l’azienda può essere ritenuta responsabile. Oltre al rischio finanziario derivante da azioni legali, l'impresa incorre in un significativo rischio di immagine.

 

 

2 – Il rischio per i beni in consegna e custodia

Nell'industria farmaceutica non è infrequente che un laboratorio produca un prodotto o una sostanza per conto di una terza parte chiamata impresa committente. Quest'ultima potrebbe dover affidare principi attivi rari e costosi al laboratorio responsabile della ricerca e sviluppo.

 

Si parla quindi di rischio di beni in consegna e custodia. Infatti se un sinistro, come un incendio, dovesse deteriorare i principi attivi forniti, il laboratorio potrebbe essere ritenuto responsabile.

 

In ogni caso, il non ottenimento dei risultati dell’attività di ricerca e sviluppo costituisce una significativa perdita finanziaria per l’impresa committente. Pertanto, è essenziale che la polizza assicurativa copra al meglio questo rischio e offra un adeguato risarcimento.

 

 

3 – Il rischio fisico per i pazienti

Una volta che il prodotto è sul mercato, il rischio principale per un'azienda farmaceutica o biotecnologica è quello di lesioni personali a un paziente.

 

Anche se il processo per la commercializzazione di farmaci e dispositivi medici è estremamente rigoroso in Italia e in Europa, non esiste il rischio zero in questo settore. Possono verificarsi effetti collaterali imprevisti, così come un uso improprio del prodotto può provocare danni fisici al paziente, con possibili conseguenze mortali.

 

È questo il rischio che più spesso viene evidenziato nel settore sanitario, in quanto dà origine a scandali riportati dai media.

 

Quando si verifica, questo rischio ha un notevole impatto anche dal punto di vista finanziario, in considerazione dell'elevato ammontare del risarcimento danni che può essere riconosciuto alla vittima.

 

 

4 – Il rischio di sterilizzazione e di subappalto in generale

Insieme ai rischi direttamente derivanti dall'attività delle aziende del settore Life Science, esiste un rischio significativo connesso al subappalto.

 

L'esternalizzazione di parte delle attività a un fornitore di servizi specializzato può essere un'operazione molto redditizia ed efficiente. Tuttavia, non consente di avere il controllo completo del processo.

 

La sterilizzazione, che costituisce un passaggio essenziale nella commercializzazione della maggior parte dei farmaci e delle attrezzature mediche, viene molto spesso subappaltata.

 

In caso di danni legati a una sterilizzazione impropria, l'azienda farmaceutica e biotecnologica resta responsabile dell’evento anche in caso di subappalto.

 

 

5 – I rischi delle aziende Life Science si stanno evolvendo

Il settore farmaceutico è in forte evoluzione. L'intelligenza artificiale è senza dubbio uno dei principali elementi innovativi in questo campo. Per questo si parla di biotecnologia quando ci si riferisce ai prodotti innovativi che uniscono la ricerca biologica e l'utilizzo di software o robot.

 

Questi sviluppi sono spesso rivoluzionari, ma portano con sé nuovi rischi, tra i quali possiamo citare il trattamento e la gestione dei dati personali. In campo medico, i dati personali sono sensibili di per sé e nel contesto del GDPR è essenziale poter garantire la loro protezione.

 

I rischi delle aziende farmaceutiche e biotecnologiche sono quindi molti e diversificati. Per questo tali aziende devono potersi avvalere di un team di esperti in grado di offrire loro la migliore soluzione assicurativa specializzata in materia di responsabilità civile per il settore Life Science.

 

 

Il presente documento è reso noto unicamente a fini informativi e non costituisce alcun tipo di consulenza o raccomandazione per individui o aziende relative ad alcun prodotto o servizio. Per maggiori dettagli sui termini e le caratteristiche del prodotto si prega pertanto di fare riferimento alle condizioni generali di assicurazione.

 

Chubb European Group SE, Sede legale: La Tour Carpe Diem, 31 Place des Corolles, Esplanade Nord, 92400 Courbevoie, Francia - Capitale sociale €896.176.662 i.v.- Rappresentanza generale per l'Italia: Via Fabio Filzi n. 29 - 20124  Milano - Tel. 02 27095.1 - Fax 02 27095.333 – P.I. e C.F. 04124720964 – R.E.A. n. 1728396 – Abilitata ad operare in Italia in regime di stabilimento con numero di iscrizione all’albo IVASS I.00156. L’attività in Italia è regolamentata dall'IVASS, con regimi normativi che potrebbero discostarsi da quelli francesi. Autorizzata con numero di registrazione 450 327 374 RCS Nanterre dall’Autorité de contrôle prudentiel et de résolution (ACPR) 4, Place de Budapest, CS 92459, 75436 PARIS CEDEX 09 RCS e soggetta alle norme del Codice delle Assicurazioni francese. info.italy@chubb.com - www.chubb.com/it