Per un'esperienza ottimale del sito, ti consigliamo di utilizzare un browser diverso.
L'utilizzo di Internet Explorer potrebbe impedire l'accesso a Chubb.com e alcune funzionalità del sito potrebbero non essere disponibili.

X
skip to main content

La pandemia di COVID-19 è uno degli eventi più dirompenti e senza precedenti che si siano verificati nei tempi moderni. Le direttive a tutela della popolazione sono in continua evoluzione. A causa della natura mutevole di questo contesto, le aziende che implementano politiche sulla sicurezza dei lavoratori sono tenute a consultare regolarmente le fonti ufficiali del governo in materia di protezione della salute pubblica e ad aggiornarsi di conseguenza.

L’importanza dei vaccini

I dati dimostrano che i vaccini possono svolgere un ruolo fondamentale nell'aiutarci a superare questa crisi storica.  Per conoscere le diverse tipologie di vaccini a disposizione, i vantaggi e le possibili conseguenze, è importante accedere sempre a informazioni ufficiali, attendibili e aggiornate, come il sito dell’Agenzia Italiana del Farmaco. Sul portale COVID-19 del Ministero della Salute è possibile consultare diverse sezioni, in cui sono riportati anche i vaccini anti COVID-19 autorizzati in Italia e i vaccini anti COVID-19 effettuati all’estero riconosciuti equivalenti in Italia ai fini della certificazione verde (Green pass).

Le vaccinazioni hanno una lunga storia di successo alle spalle. La pratica di combattere le malattie attraverso la vaccinazione risale a più di 200 anni fa. Il primo vaccino, contro il vaiolo, fu sviluppato nel 1796. Il vaiolo è stata una delle malattie umane più letali, che ha ucciso milioni di persone nel corso di migliaia di anni. Grazie alla vaccinazione in tutto il mondo, il vaiolo è stato eradicato e gli ultimi casi si sono verificati alla fine degli anni '70.

I vaccini hanno notevolmente ridotto la diffusione di molte malattie che un tempo provocavano un gran numero di vittime, tra cui la poliomielite e il morbillo. Oggi i bambini ricevono regolarmente vaccini che prevengono una serie di malattie. Le vaccinazioni antinfluenzali annuali aiutano a limitare l'impatto dell'influenza stagionale. Così come i vaccini contro il COVID-19 stanno giocando un ruolo fondamentale nella lotta alla pandemia che stiamo affrontando oggi.

 

Come funziona un vaccino

I vaccini contro il COVID-19 servono per addestrare l’organismo umano a combattere contro il virus: il corpo sviluppa "memoria" e globuli difensivi in ​​grado di riconoscere e combattere il virus se esso lo attacca. Alcuni vaccini producono quella che viene chiamata "immunità sterilizzante", il che significa che un virus non può replicarsi nel corpo e causare altre infezioni. In ogni caso, se si è ancora infettati dal coronavirus, grazie al vaccino è meno probabile che il corpo abbia una reazione sintomatica forte. Tutti i vaccini COVID-19 attualmente autorizzati in Italia hanno lo scopo di ridurre il contagio, l’ospedalizzazione e la mortalità.

Quando una percentuale sufficiente della popolazione acquisirà l'immunità, attraverso la vaccinazione o la malattia, si arriverà a ottenere l'immunità comunitaria, nota anche come immunità di gregge. Anche le persone che non hanno potuto vaccinarsi avranno una certa protezione, perché la malattia avrà ridotte possibilità di diffondersi da persona a persona. Gli esperti di malattie infettive generalmente concordano sul fatto che le vaccinazioni di massa siano il modo più efficace per una comunità per ottenere l’immunità di gregge.

 

Mantenere la sicurezza sul posto di lavoro

Le autorità governative e sanitarie raccomandano che i dipendenti, anche se vaccinati e in possesso di certificazione verde (Green pass) continuino a seguire le precauzioni anti COVID-19, tra cui:
 

  • Mantenere il distanziamento
  • Utilizzare le mascherine
  • Lavarsi le mani frequentemente e accuratamente


Ai sensi della legge sulla sicurezza e la salute sul lavoro, i datori di lavoro sono responsabili di fornire un luogo di lavoro privo di rischi. A seconda della natura dell’attività, le misure da prendere in considerazione potrebbero essere:
 

  • Installazione di barriere protettive dove non è possibile il distanziamento sociale
  • Miglioramento della ventilazione
  • Igienizzazione delle superfici utilizzate di frequente
  • Attuazione di procedure per regolamentare i dipendenti contagiati o esposti al COVID-19


Queste linee guida possono cambiare man mano che la situazione evolve, quindi si consiglia sempre di consultare le risorse del Ministero della Salute per informazioni più recenti.

 

Tutelare i dipendenti

La diffusione della pandemia di COVID-19 ha stravolto le nostre vite: le misure di isolamento e distanziamento sociale iniziate nella primavera del 2020 e l'incentivazione del lavoro da casa hanno costretto le aziende a adattarsi rapidamente al nuovo contesto lavorativo. Il passaggio al lavoro da remoto ha trasformato il Duty of Care per i datori di lavoro che, oltre a far fronte alle molte preoccupazioni legate alla pandemia, devono ormai prendere in considerazione l'evoluzione delle esigenze dei propri dipendenti, dislocati in diverse parti del paese (o in diversi paesi) e non più riuniti in un unico luogo. 

Oltre ai possibili disturbi legati alla salute fisica e mentale connessi al lavoro a distanza, anche la sicurezza nell’ambiente di lavoro va preservata.

 

Quali sono le azioni che le aziende dovrebbero intraprendere per garantire la salute e il benessere dei propri collaboratori?
 

  1. Aggiornare procedure e protocolli interni
  2. Rendere le strutture aziendali esistenti adeguate alla situazione attuale
  3. Accertarsi che gli spazi di lavoro siano sicuri (ovunque essi siano) e non rappresentino potenziali rischi per la salute e il benessere dei lavoratori. Due aspetti chiave sono l'adeguatezza delle postazioni di lavoro e la sicurezza di connessioni e apparecchiature elettroniche. Potrebbe essere utile mettere a disposizione dei dipendenti corsi di formazione online
  4. Rivisitare ed eventualmente ridefinire la copertura di gruppo contro gli infortuni personali, accertandosi che i programmi assicurativi disponibili tutelino i dipendenti che lavorano da remoto, anche in caso di incidenti sul lavoro da casa o a distanza, oltre a prevedere iniziative a sostegno della salute mentale
  5. Dare il buon esempio: il comportamento dei manager e la definizione di parametri chiari in merito alle attese possono contribuire a rendere il contesto lavorativo coerente e appagante per tutti i dipendenti, anche da remoto, rassicurando gli stessi circa l'importanza e il valore della loro salute per l'intera azienda
  6. Comunicare con trasparenza: le aziende dovrebbero rimanere aggiornate sulle novità, seguire i consigli delle autorità e comunicare con i dipendenti nella maniera più rapida e semplice possibile
  7. Predisporre network di sostegno, per promuovere la comunicazione e la connessione fra i dipendenti, possibilmente anche tra coloro che non lavorano nello stesso team, in modo da poter fornire tempestivamente supporto a chiunque ne manifesti il bisogno in qualunque momento


Pensando in modo nuovo ai rischi legati al luogo di lavoro e abbinando le attività di wellbeing a un efficiente programma di coperture assicurative e gestione dei rischi, le aziende hanno più possibilità di superare brillantemente la crisi attuale, consolidando la propria resilienza a lungo termine. 

 

Per ulteriori informazioni sulla protezione della tua azienda e dei dipendenti, visita la nostra pagina COVID-19: informazioni utili.

Il presente documento è reso noto unicamente a fini informativi e non costituisce alcun tipo di consulenza o raccomandazione per individui o aziende relative ad alcun prodotto o servizio. Per maggiori dettagli sui termini e le caratteristiche del prodotto si prega pertanto di fare riferimento alle condizioni generali di assicurazione.

 

Chubb European Group SE, Sede legale: La Tour Carpe Diem, 31 Place des Corolles, Esplanade Nord, 92400 Courbevoie, Francia - Capitale sociale €896.176.662 i.v.- Rappresentanza generale per l'Italia: Via Fabio Filzi n. 29 - 20124  Milano - Tel. 02 27095.1 - Fax 02 27095.333 – P.I. e C.F. 04124720964 – R.E.A. n. 1728396 – Abilitata ad operare in Italia in regime di stabilimento con numero di iscrizione all’albo IVASS I.00156. L’attività in Italia è regolamentata dall'IVASS, con regimi normativi che potrebbero discostarsi da quelli francesi. Autorizzata con numero di registrazione 450 327 374 RCS Nanterre dall’Autorité de contrôle prudentiel et de résolution (ACPR) 4, Place de Budapest, CS 92459, 75436 PARIS CEDEX 09 RCS e soggetta alle norme del Codice delle Assicurazioni francese. info.italy@chubb.com - www.chubb.com/it