Mentre il mondo sta ancora valutando e gestendo l’impatto della pandemia Covid-19, i Paesi cominciano lentamente a riorganizzarsi, sia a livello sociale sia economico. Ora datori di lavoro e dipendenti devono tenere conto di nuove prassi e policy. In particolare, le multinazionali, attive in tutto il mondo, sono tra le aziende che maggiormente devono riconsiderare la gestione del Duty of Care nei confronti dei dipendenti.

Con il Covid-19 che va ad aggiungersi ai rischi preesistenti, quali calamità naturali, terrorismo, tumulti sociali e criminalità, disporre di un programma assicurativo per infortuni personali e viaggi di lavoro è un elemento fondamentale nel quadro di rischio complessivo delle multinazionali. Mentre la legislazione varia sensibilmente nelle diverse aree, in molti Paesi la giurisprudenza continua ad affinare gli obblighi di Duty of Care. In cima ai pensieri di un’impresa dovrebbero esserci la salute, la sicurezza e il benessere dei dipendenti.

 

“Il Covid-19 ha posto ancora di più l'accento sull’importanza del Duty of Care. I datori di lavoro devono rivedere e aggiornare le policy e i protocolli assicurativi e di gestione del rischio in essere, per renderli più chiari, strutturati, robusti e flessibili”, afferma Natasha Reoutt, Vicepresidente di Accident & Health Multinational Business, Chubb.

 

Omogeneità di copertura: creare la soluzione adatta

 

Naturalmente, maggiore è il numero dei Paesi in cui l’azienda opera, più è importante avere un assicuratore con una presenza globale di pari portata. “Creare un programma multinazionale è alquanto complesso, ma Chubb lo rende semplice per i clienti”, dichiara Renato Zotti, Accident & Health Country Manager di Chubb in Italia. Oltre a essere presente in 54 Paesi e territori, Chubb dispone anche di un network di 145 partner che operano localmente, il che significa avere una copertura ampia che abbraccia virtualmente tutte le destinazioni di viaggio.

 

Le partnership instaurate da Chubb con i principali fornitori globali di servizi di assistenza offrono un’ulteriore garanzia ai datori di lavoro, che dispongono così di servizi completi di emergenza sanitaria e di sicurezza, nonché di aggiornamenti in tempo reale sull’evoluzione delle situazioni in tutto il mondo.

 

Quando i viaggi di lavoro lentamente riprenderanno, “la posta in gioco sarà ancora più alta e resterà tale per un certo periodo dopo la crisi dovuta al Covid”, afferma Natasha. “È molto importante identificare e colmare le potenziali lacune nelle coperture per i dipendenti.” Anche ora che i viaggi sono limitati, i dipendenti lavorano da casa, in ambienti su cui i datori di lavoro non hanno praticamente alcun controllo. La copertura Group Personal Accident è fondamentale per un programma assicurativo realmente completo: insieme, le polizze infortuni personali e viaggi di lavoro possono tutelare i dipendenti e aiutare i datori di lavoro ad adempiere ai loro obblighi di Duty of Care, ovunque si svolga l’attività lavorativa.

 

Nella copertura, oltre all’ampiezza e alla portata, anche la coerenza è fondamentale per un piano di successo. Un Controlled Master Programme (CMP) consente alle aziende di risolvere le idiosincrasie delle esposizioni locali in un’ottica onnicomprensiva. “I programmi multinazionali presentano molti vantaggi, tra cui quello di offrire all’azienda la certezza di tutelare in modo uniforme i dipendenti e colmare eventuali lacune nella copertura con la polizza master”, spiega Natasha. Renato aggiunge: “Un programma CMP accuratamente predisposto consente a un’azienda di rispondere ai diversi bisogni e requisiti di copertura dei dipendenti in tutto il mondo, con polizze autorizzate localmente, ove necessario, e riunite sotto un’unica polizza master con una sola data di entrata in vigore. Un CMP crea coerenza nella copertura e agevola la gestione del programma. La copertura può anche essere personalizzata per soddisfare le particolari esigenze di specifiche tipologie di dipendenti.”

 

Un programma CMP può fornire un ampio ventaglio di prestazioni al datore di lavoro, tra cui la gestione dei sinistri e la supervisione della compliance a livello centralizzato. Worldview, la piattaforma web di Chubb, contribuisce inoltre a razionalizzare il processo, consentendo agli HR manager e ai risk manager di accedere in modo semplice a tutta la documentazione utile, ai contatti locali e alla gestione delle polizze.

 

Linee di comunicazione chiare

 

Trasparenza e protocolli aziendali facilmente comprensibili sono alla base di qualsiasi programma multinazionale per infortuni personali e viaggi di lavoro. “I datori di lavoro dovrebbero essere facilmente raggiungibili in caso di emergenza”, consiglia Renato. App come Chubb Travel Smart, in cui datori di lavoro e dipendenti possono comunicare in modo semplice e veloce, possono sostenere una strategia di comunicazione coerente e in tempo reale. Inoltre, l’app offre ai dipendenti notifiche in tempo reale su notizie e aggiornamenti di viaggio in base alla loro posizione e destinazione.

 

Ma qual è il modo migliore per prendersi davvero cura dei propri dipendenti? “Penso che la parola d’ordine sia prevenzione”, risponde Natasha. “Prevenire costa molto meno di gestire le malattie o gli infortuni dei dipendenti. In questo momento le aziende dovrebbero essere molto più proattive nel garantire la prevenzione, anziché limitarsi a reagire quando qualcosa va storto.” I rischi aumentano e cambiano quotidianamente: per questo è più proficuo concentrare attenzione e investimenti in un piano assicurativo completo e preventivo, anziché dover mitigare e risolvere i problemi quando si manifestano. Renato afferma: “Un programma più strutturato di gestione del rischio per infortuni personali e viaggi consente di prendere decisioni con maggiore rapidità, un aspetto che risulta molto utile in qualsiasi crisi.” E anche quando i pericoli del Covid-19 si attenueranno, un piano assicurativo in grado di resistere alla prossima crisi imprevedibile, che si tratti di calamità naturali, tumulti sociali, terrorismo o criminalità, garantirà all’azienda di attribuire alla prevenzione un carattere prioritario.

 

Partnership solide che supportano la crescita

 

Un programma multinazionale di successo si costruisce soprattutto sulla fiducia e sulla stretta collaborazione tra cliente, compagnia assicurativa e broker. Mettere i clienti nella condizione di crescere, consentendo loro di concentrarsi sul proprio business e, allo stesso tempo di mantenere al sicuro i propri dipendenti, costituisce l’elemento chiave della proposta multinazionale di Chubb. Lavoriamo a stretto contatto con i clienti, i risk manager, le risorse umane e i team che gestiscono i benefit per i dipendenti, la sicurezza o i viaggi. In tal modo contribuiamo a ottimizzare la copertura assicurativa, assistendo i clienti con la nostra competenza in periodi turbolenti come questo.

 

Per saperne di più su come Chubb può rispondere alle esigenze uniche della vostra azienda, potete contattare Renato Zotti, Accident & Health Country Manager per l’Italia.

Il presente documento è reso noto unicamente a fini informativi e non costituisce alcun tipo di consulenza o raccomandazione per individui o aziende relative ad alcun prodotto o servizio. Per maggiori dettagli sui termini e le caratteristiche del prodotto si prega pertanto di fare riferimento alle condizioni generali di assicurazione.

 

Chubb European Group SE, Sede legale: La Tour Carpe Diem, 31 Place des Corolles, Esplanade Nord, 92400 Courbevoie, Francia - Capitale sociale €896.176.662 i.v.- Rappresentanza generale per l'Italia: Via Fabio Filzi n. 29 - 20124  Milano - Tel. 02 27095.1 - Fax 02 27095.333 – P.I. e C.F. 04124720964 – R.E.A. n. 1728396 – Abilitata ad operare in Italia in regime di stabilimento con numero di iscrizione all’albo IVASS I.00156. L’attività in Italia è regolamentata dall'IVASS, con regimi normativi che potrebbero discostarsi da quelli francesi. Autorizzata con numero di registrazione 450 327 374 RCS Nanterre dall’Autorité de contrôle prudentiel et de résolution (ACPR) 4, Place de Budapest, CS 92459, 75436 PARIS CEDEX 09 RCS e soggetta alle norme del Codice delle Assicurazioni francese. info.italy@chubb.com - www.chubb.com/it